Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘diritti’ Category

ius-soli-dopo-espresso

Annunci

Read Full Post »

altan

Read Full Post »

rodotà

Read Full Post »

admin-ajax-7

Le donne erano sistematicamente violentate dai proprietari terrieri. Se i mariti protestavano venivano licenziati.

La mortalità infantile era altissima: più della metà dei bambini moriva prima di aver compiuto cinque anni. Gli stagionali e gli ambulanti erano trattati da schiavi.

Erano soprattutto loro a riempire le navi dei migranti. Scappavano dalla fame. Mangiavano pane, castagne, perfino segatura. La carne un paio di volte all’anno. Cercavano di mettere da parte i soldi – tanti – per la traversata e arrivavano in posti dove ad accoglierli trovavano lavori pericolosi che nessuno voleva fare. Meglio di niente. Molti entravano illegalmente, senza documenti o con documenti falsi. A un certo punto però una commissione parlamentare disse basta, troppi immigrati. Sulla base di teorie scientifiche infondate, tutti quelli che avevano determinate caratteristiche somatiche furono considerati pericolosi, potenziali criminali, selvaggi, stupratori, e accusati di ogni tipo di reato. Queste caratteristiche somatiche coincidevano con quelle di gran parte degli immigrati.

L’Immigration act fu approvato il 26 maggio 1924, e di fatto vietò agli italiani di entrare negli Stati Uniti.

Rimase in vigore fino al 1952.

Sul New York Times ne ha parlato recentemente Helene Stapinski, una giornalista americana di origini italiane. Una sua bis-bisnonna, Vita Gallitelli, arrivò negli Stati Uniti dalla Basilicata. “Gli italoamericani che oggi approvano gli sforzi di Donald Trump per tenere i cittadini musulmani e messicani fuori dal nostro paese dovrebbero scavare nella loro storia e nel profondo del loro cuore. Siamo solo a un paio di generazioni di distanza dallo stesso razzismo e dallo stesso odio. Se i nostri antenati avessero cercato di venire in America subito dopo il divieto del 1924, non saremmo neppure nati”.

Giovanni De Mauro – Internazionale n.1208

 

Read Full Post »

lo-sciopero-futuro

Lo sciopero dei ragazzi

Torino, fattorini in lotta: siamo sottopagati, basta cottimo

Per tutto il giorno hanno rallentato il lavoro e nel tardo pomeriggio hanno deciso
di bloccarlo. Torino è rimasta orfana, di sabato sera, di Foodora, il servizio di consegna a
domicilio di pasti caldi cucinati in trattorie e ristoranti della città. I giovani rider rotestano
contro le condizioni impossibili alle quali sarebbero sottoposti e contro la paga a
cottimo, ma anche per esprimere solidarietà ai due ragazzi che sono stati licenziati perché
«sono stati i primi a protestare», spiega Jamy, 22 anni, studente fuori sede di Informatica,
leader della contestazione.
Foodora, azienda tedesca che utilizza una piattaforma web per distribuire gli ordini
di consegna ai fattorini in bicicletta, è attiva a Milano e a Torino, ma «in Lombardia le
condizioni di chi lavora sono diverse», aggiunge Jamy impegnato in un’ultima trattativa
(poi fallita) con uno dei responsabili torinesi della ditta davanti alla stazione ferroviaria
di Porta Nuova. Intorno a loro una cinquantina di rider, ciascuno con caschetto protettivo,
bici e box portavivande.
«Io me ne sono andata — interviene Gloria, 22 anni neolaureata in Lettere e Filosofia —, ho trovato lavoro come giornalista in un sito web, non che si guadagni di più, ma le
prospettive sono diverse. Almeno non rischio di cadere dalla bici, cosa che mi è capitata perché le consegne si fanno anche quando nevica».
Emanuele, 20 anni, studia Economia e Commercio: «Sono alla prima consegna, ma ho
deciso di unirmi alla protesta per solidarietà. Mi è arrivato ora il messaggio, devo ritirare
un pasto e consegnarlo nei prossimi tre minuti. Come faccio? Sono qui a Porta Nuova e
devo correre in corso De Gasperi», una distanza di almeno tre chilometri. «Il tutto per 2
euro e settanta a consegna — interviene Omar, 22 anni, studente di Infermieristica —. Fino a qualche mese fa pagavano 5 euro e 40 all’ora, poi sono passati al cottimo». I fattorini della ditta di sharing economy non sono dipendenti, ma collaboratori:
«La bicicletta la dobbiamo mettere noi — dice Jamy al quale l’azienda ha bloccato le chiamate — e versiamo una cauzione di 50 euro per il casco, il box e la divisa.
Agli ultimi ragazzi che sono stati ingaggiati, il caschetto non è stato consegnato».
Il braccio di ferro tra lavoratori(200 a Torino) sembra non approdare ad alcun accordo e i
più ora cercano altro: «Io faccio questo per vivere e mantenermi gli studi — insiste Jamy
—, lavorando come un pazzo sono arrivato a prendere fino a trecento euro al mese. Non ho
genitori alle spalle, devo pagarmi l’affitto, lo studio e viverci.
Naturalmente non mi bastano». Come non bastano a Gloria: «Cinquecento euro li
ho guadagnati una sola volta, ma ci sono le spese: il telefono, la manutenzione della bici». Dagli uffici milanesi gli amministratori di Foodora,  Gianluca Cocco e Matteo Lentini si dicono disponibili ad «ascoltare i ragazzi. Non collettivamente, ma “face to face”». Spiegano che il pagamento a cottimo offre l’opportunità di maggiori guadagni e sottolineano che Foodora non deve essere interpretato come un lavoro per «sbarcare il lunario», ma come «un’opportunità per chi ama andare in bici, guadagnando anche un
piccolo stipendio».

Marco Bardesono – Il Corriere della Sera 9.ottobre.2016

 

Read Full Post »

unioni-civili-diritti

Read Full Post »

la famglia di alfano

Read Full Post »

Older Posts »